Mindfulness, Educazione e Cura

 

22, 23, 24 Ottobre 2015

Istituto di Istruzione Superiore “A. Degasperi”, Borgo Valsugana (TN)

Comunità Valsugana e Tesino

 

 

Un convegno per approfondire il valore delle pratiche mindfulness nel contesto educativo, sociale e sanitario. Un’eccezionale occasione di dibattito e di confronto con la presenza di neuroscienziati, medici, psicologi, esperti di pratiche del corpo e dell’attenzione.



Novità: qui il materiale del convegno

 
In Italia la mindfulness è un tema di avanguardia, che riceve sempre più attenzione da parte degli sperimentatori clinici e dei media, ma è ancora poco conosciuta e per questo talvolta fraintesa e vista con diffidenza. Il convegno Mindfulness, Educazione e Cura, organizzato dall’Istituto di Istruzione “A. Degasperi” di Borgo Valsugana e dalla Comunità Valsugana e Tesino, vuole essere un’importante occasione per conoscere e discutere criticamente, grazie a studiosi e testimoni autorevoli, le pratiche del corpo e dell’attenzione che rientrano nell’ambito della mindfulness.
Verrà anche illustrato in che modo tali pratiche permettano di acquisire strumenti per ridurre lo stress generale e l’ansia, favorendo un maggior sviluppo delle qualità socio-affettive e potenziando le capacità di affrontare le esperienze difficili, come è stato dimostrato anche dalla ricerca neuroscientifica, medica e psicologica.'
La mindfulness è una pratica di presenza mentale attraverso la meditazione ed il rapporto con le sensazioni corporee. E’ stata oggetto, nell’ultimo trentennio, di molte ricerche scientifiche e sperimentazioni e rappresenta un modo nuovo di avvicinare le diverse esperienze di vita, coltivando un atteggiamento mentale che consente di ridurre la fatica e la sofferenza legate a situazioni difficili.
 
Trova applicazione in ambito educativo, nel supporto dei pazienti oncologici o con dolore cronico, nella psicopatologia, in ambito sociale e sanitario per affrontare stress, sindromi da burnout, problematiche legate all’adolescenza ed alle dipendenze.
 
Il convegno approfondirà proprio il valore di queste pratiche nel contesto educativo, sociale e sanitario, individuando ed analizzando le modalità che permettono di sviluppare un grado profondo e stabile di consapevolezza. Verrà trattato inoltre il rapporto della mindfulness con alcune funzioni cognitive specifiche, come l'apprendimento e la regolazione emotiva, facendo riferimento anche ad aspetti etici come la gentilezza e la compassione nella cura, nelle diverse fasi della crescita e nel decorso clinico. Il convegno intendeproporre questi temi con un linguaggio chiaro e accessibile.
 
I primi destinatari sono insegnanti, educatori, psicologi, medici, infermieri, assistenti sociali e più in generale operatori degli ambiti sociali e sanitari e chiunque sia interessato ad esplorare le applicazioni delle pratiche di consapevolezza nell’ambito dell’educazione e della cura, intendendo per “cura”, sia il percorso di superamento di uno stato patologico, sia il “prendersi cura” di sé e di chi vive una situazione di disagio. Una cura che può essere introdotta già negli anni della crescita e della formazione, e che può poi supportare i passaggi più difficili e significativi della nostra esistenza.

 

 

Responsabili Organizzativi: Paolo Pendenza, Maria Angela Zadra, Stefano Poletti

 

Co-Organizzatori: Roberto Ferrari, Antonino Raffone, Annalisa Stablum, Sonia Rovigo, Giancarlo Lira, Alessandra Voltolini

 

Responsabili scientifici: Roberto Ferrari, Nicola De Pisapia

 

Comitato etico-scientifico: Franco Bertossa, Antonino Raffone, Fabio Giommi

 

Patrocini:

 

  • Provincia Autonoma di Trento,
  • Presidenza del Consiglio Regionale del Trentino-Alto Adige
  • Azienda Provinciale dei Servizi Sanitari di Trento
  • Istituto Provinciale per la Ricerca e la Sperimentazione Educativa (IPRASE)
  • Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento
  • Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Trentino-Alto Adige
  • Azienda Pubblica di Servizi alla Persona di Borgo Valsugana
  • Collegio Provinciale di Trento degli Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari, Vigilatrici d'Infanzia (IPASVI)
  • Consciousness Mindfulness Compassion International Association (CMC)
  • Associazione Italiana per la Mindfulness (AIM)
  • Associazione Spazio Interiore e Ambiente (ASIA)
  • Istituto Oncologico Veneto
  • Fondazione Franceschi ONLUS.

 

 

Collaborazioni:

 

  • Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento,
  • Scuola di Specializzazione Quadriennale in Psicoterapia Cognitivo-Costruttivista “Nous”,
  • Associazione Abruzzo Mindfulness,
  • Associazione Marche Mindfulness,
  • Scuola Superiore di Pratiche Filosofiche “Philo”,
  • Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione (ODFLAB),
  • Istituto "Leone Dehon",
  • Centro Clinico Crocetta di Torino,
  • Associazione “Noi e il cancro - Volontà di vivere”,
  • Azienda Pubblica di Servizi alla Persona di Borgo Valsugana,
  • HANDS onlus - centro consulenza e interventi per problemi di alcol e farmacodipendenza.
 

Scarica il pieghevole del convegno: icon Pieghevole Convegno Mindfulness

 

Il convegno è riconosciuto come corso di aggiornamento per gli insegnanti di ogni ordine di scuola dall'Istituto Provinciale per la Ricerca e la Sperimentazione Educativa (IPRASE) del Trentino: http://www.iprase.tn.it/novita/

 

Il convegno è riconosciuto come credito ECM dall'Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento.

 

 

Programma

 

GIOVEDI’ 22 OTTOBRE 2015

 

La mindfulness applicata al contesto scolastico ed educativo - Istituto “A. Degasperi”

 

8.00-9.00 Accoglienza e registrazione dei partecipanti

 

9.00 Saluti delle autorità

Assessore alla Salute e alle politiche sociali della Provincia Autonoma di Trento - Luca Zeni

Presidente del Consiglio della Regione Autonoma Trentino Alto Adige - Chiara Avanzo

Vicepresidente della Comunità Valsugana e Tesino - Giuliana Gilli

Sindaco di Borgo Valsugana - Fabio Dalledonne

 

Moderatore degli interventi: Paolo Pendenza

 

9.15 Nicola De Pisapia: L'esercizio della consapevolezza: da Socrate alle neuroscienze

 

10.00 Enrica Jalongo: Percorso di consapevolezza per la riduzione della sofferenza rivolto agli adolescenti

 

10.45 Coffee break

 

11.00 Paolo De' Lutti: Mindfulness in ambito educativo e pedagogico: uno strumento prezioso

 

11.45 Franco Bertossa: Le “energie sottili” delle tradizioni orientali  come supporto agli stati dell'attenzione e dell'emotività

 

 

12.30 Termine sessione del mattino e pausa pranzo

 

14.00-15.00 Domenico Scaringi, Eleonora Pellegrini: Mindfulness interpersonale e di gruppo nelle problematiche dell’adolescenza

 

15.00-17.00 Laboratori esperienziali paralleli presso l’Istituto “A. Degasperi”

 

Elementi di mindful dialogue e yoga consapevole

Eleonora Pellegrini

 

Mindfulness e relazione

Emanuela Sabena

 

Mindfulness e relazione

Angelo Crea

 

Aikido educativo: percorso di crescita per gestire aggressività, stress e paura

Davide Perucatti, Laura Stefenelli

 

Unità mente-corpo: una risorsa per la scuola

Letizia Magenti

 

Consapevolezza corporea e presenza mentale per una mindfulness quotidiana

Paolo De’ Lutti

 

Yoga per la meditazione: sequenza di posture per l'assorbimento meditativo

Franco Bertossa

 

Accedere al proprio sé spirituale. MBSR, pratica interiore e cambiamento

Patrizia Garberi

 

Teoria e pratica della mindfulness in ambito educativo

Roberto Ferrari, Stefano Poletti

 

Mindful Self Compassion: introduzione alle pratiche

Alessandro Giannandrea, Laura Bassi

 

 

17:00 Coffee break e libera consultazione di proposte associative e di letture

 

 

VENERDI’ 23 OTTOBRE 2015

 

La mindfulness applicata al contesto della salute e del sociale - Istituto “A. Degasperi”

 

 

Moderatore degli interventi: Maria Angela Zadra

 

9.00 Antonino Raffone: Mindfulness e regolazione emotiva

 

10.00 Eleonora Capovilla, Irene Guglieri: L'intervento di mindfulness nel contesto medico-sanitario

 

10.45 Coffee break

 

11.00 Roberto Ferrari, Stefano Poletti: Perché la mindfulness funziona? Perché può essere banalizzata?

 

12.00 Cristiano Crescentini, Viviana Capurso: Meditazione mindfulness: fondamenti neuropsicologici ed effetti sulla personalità

 

13.00 Termine sessione del mattino e pausa pranzo

 

14.15 Alessandro Giannandrea: Mindfulness e deficit di attenzione e iperattività: stato dell’arte e report di esperienze in setting ospedaliero

 

15.15-17.15 Laboratori esperienziali paralleli presso l’Istituto “A. Degasperi” e l’Azienda Pubblica per i Servizi alla Persona di Borgo Valsugana

 

Mindful Self Compassion: stato dell’arte sulla letteratura scientifica e strutturazione dei protocolli MSC

Alessandro Giannandrea

 

Teoria e pratica della mindfulness in ambito ospedaliero

Roberto Ferrari, Stefano Poletti

 

Mindfulness: prender-si cura per curare

Eleonora Capovilla, Irene Guglieri

 

Mappe per l'osservazione del corpo-mente nella meditazione Vipassana

Antonino Raffone

 

Esperienza guidata di meditazione orientata alla mindfulness

Cristiano Crescentini

 

Esperienza guidata di meditazione orientata alla mindfulness

Viviana Capurso

 

Accedere al proprio sé spirituale. MBSR, pratica interiore e cambiamento

Patrizia Garberi

 

Elementi di mindful dialogue e yoga consapevole

Eleonora Pellegrini

 

17.15 Coffee break

 

17.30-18.30 Laboratorio esperienziale presso l'auditorium dell’Istituto “A. Degasperi”

 

Mindfulness Meditation

Dh. Karunavira, Dh. Dharmavasita, Università di Bangor (UK)

 

 

 

SABATO 24 OTTOBRE 2015

Valle di Sella - ArteSella

 

8.15 Ritrovo per raggiungere ArteSella presso il parcheggio dell’Istituto “A. Degasperi”

 

9.00-11.00 Tavola rotonda e dibattito conclusivo: Franco Bertossa, Viviana Capurso, Angelo Crea,  Cristiano Crescentini, Nicola De Pisapia, Roberto Ferrari,  Dh. Karunavira, Eleonora Pellegrini, Antonino Raffone, Emanuela Sabena

 

11.00-13.00 Visita guidata di ArteSella e Workshop di Chi-Kung, a cura del Dh. Karunavira

 

13.00 Buffet di saluto

 

 

ISCRIZIONI

 

LE ISCRIZIONI AL CONVEGNO SONO CHIUSE.

 

La partecipazione al convegno è gratuita e l'iscrizione obbligatoria.

 

Per iscriversi al convegno è necessario scaricare e riempire in tutte le sue parti il seguente modulo pdf compilabile e spedirlo all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il giorno 09/10/2015: icon Modulo iscrizione convegno Mindfulness

 

 

(per visualizzare correttamente il modulo è necessario aprirlo con l'ultima versione di Acrobat Reader; se ci fossero difficoltà a salvare i dati sul modulo pdf si può stamparlo, compilarlo a mano e poi spedire una copia scansionata; in casi estremi, come alternativa, si può mandare una mail con i dati relativi all'iscrizione).

 

 

 

ATTENZIONE: con l'invio del modulo all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. si esprime il consenso all'utilizzo dei dati personali.

 

Le iscrizioni saranno accolte in ordine cronologico, fino al raggiungimento del numero massimo di iscritti previsto.

 

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere alla segreteria del settore Socio-assistenziale della Comunità Valsugana e Tesino: tel. 0461 755565.

 

 

 

INFO VARIE

 

Qui c'è una piantina con l'indicazione dei parcheggi intorno all'Istituto Degasperi:  icon Parcheggi

 

La lista dei locali convenzionati di Borgo Valsugana per i partecipanti al convegno: icon Ristoranti

 

È possibile prenotarsi per il buffet in ArteSella di sabato 24. Il costo è di 15€ che possono essere pagati giovedì mattina al momento dell'iscrizione.

 
 

 

 

 

WORKSHOP

 

Di seguito la descrizione dei workshop:

 

 

Bertossa: Yoga per la meditazione: sequenza di posture per l'assorbimento meditativo

Esiste un ordine naturale di "corpo e mente" che necessiti di essere riconosciuto, rispettato e coltivato?

Sì.
Ed è estremamente utile conoscerlo quando si sia impegnati nel compito educativo.
Sulla base di una pratica quotidiana delle discipline orientali che si protrae da oltre quarant'anni, illustrerò i principi di tali arti e alcuni esercizi illuminanti di immediato apprendimento volti al riequilibrio "energetico" della persona.
Qualcosa di molto pratico di cui ogni insegnante e ogni studente può avvalersi.

 

 

Capovilla-Guglieri: Mindfulness: prender-si cura per curare

Gli approcci mindfulness-based (MBSR, MBCT, ACT) si stanno ponendo come interventi di ormai provata efficacia in svariati contesti, tra cui quello sanitario, sia per una miglior gestione della sofferenza dei pazienti, che di quella dei caregiver e del disagio degli operatori sanitari. Nel workshop verranno proposte pratiche tratte dal programma MBSR nelle modalità previste dal protocollo stesso, cercando di riprodurre il contesto relazionale ed operativo che caratterizza una “sessione tipo”. Le pratiche previste dal programma sono finalizzate alla coltivazione della consapevolezza e prevedono l’esercizio dell’attenzione attraverso “pratiche formali” (body scan, meditazione seduta e camminata, movimento consapevole) ed “informali” di condivisione e di attenzione al momento presente.

 

Crescentini-Capurso: Esperienza guidata di meditazione orientata alla mindfulness

La meditazione basata sulla mindfulness consiste in un insieme di procedure atte a sviluppare la consapevolezza durante la pratica meditativa al fine di estenderla ad ogni aspetto della vita. Il workshop prevede: a) un breve momento iniziale di accoglienza e di introduzione alle pratiche di consapevolezza; b) la pratica della meditazione mindfulness e c) un breve momento finale per la condivisione dell’esperienza e le eventuali domande. Il cuore del workshop è la pratica della meditazione di consapevolezza. Ad ogni momento della meditazione (contemplazione del respiro –anapanasati-, contemplazione del corpo e contemplazione dei contenuti della mente) verranno assegnati circa 10 minuti. Durante l’incontro i partecipanti praticheranno la meditazione in posizione seduta.

 

 

De’ Lutti: Consapevolezza corporea e mentale nel quotidiano

La Mindfulness è una pratica mentale, corporea ed emotiva al tempo stesso, e permette di sviluppare una consapevolezza corporea molto profonda, che possiamo integrare nelle attività quotidiane. Portare attenzione in modo consapevole e gentile a semplici gesti come il respirare, il mangiare ed il camminare, ci àncora al presente, e ci consente di diminuire di fatto alcune tensioni del quotidiano. L'esperienza di gruppo facilita la condivisione e la comunicazione emotiva, e fornisce le basi per una pratica quotidiana di semplici esercizi “anti stress“.

 

Ferrari-Poletti: Mindfulness-Based Stress Reduction tra teoria e pratica in ambito educativo e ospedaliero

Si illustreranno i principi base delle tecniche di mindfulness e i diversi setting di applicazione in ambito educativo e medico-sanitario. Si darà ampio spazio all'esperienza diretta, con esercizi per coltivare la presenza mentale, accessibili e adattabili a tutti. Ci confronteremo con semplici dialoghi sull'esperienza condotta, sul modo di coltivarla in modo autonomo, sulle motivazioni per valorizzarla, sul tipo di atteggiamento mentale che può nascerne. Alternando esercizi e parole, per calare nel corpo ogni concetto e ogni perplessità..

 

 

Garberi: Accedere al proprio sé spirituale. MBSR, pratica interiore e cambiamento

Quando ci si avvicina alla Mindfulness spesso la curiosità è mescolata al bisogno di avvicinarsi alla propria natura di saggezza e alla propria spiritualità innata. Solitamente questo è dovuto ad una maturazione personale o a situazioni ed eventi che ci impongono di attingere a questa nostra risorsa profonda. Anche la ricerca ha esplorato questo tratto del temperamento, chiamato autotrascendenza, a cui ci avvicineremo in questo workshop principalmente attraverso esercizi meditativi. La pratica interiore, quale può essere attivata da un semplice protocollo MBSR, se coltivata ci permette di assaporare questo sé spirituale che diventa nostra guida e riferimento nella salute e nella cura.

 

Giannandrea-Bassi: La Self-Compassion: introduzione teorica e pratica ai protocolli MSC

I protocolli MSC (Mindful Self-Compassion) uniscono l’insegnamento della mindfulness a pratiche dirette alla coltivazione di una relazione gentile, accogliente e compassionevole con se stessi. Il grande riscontro nella comunità scientifica e la crescita della diffusione dei protocolli MSC li rendono ormai parte del bagaglio di conoscenze necessarie per istruttori e praticanti in genere. Il laboratorio tratterà il background teorico e darà modo di apprendere e proporre attraverso l’esperienza diretta alcune delle pratiche di Self-Compassion incluse nei protocolli e integrabili nei correnti interventi Mindfulness Based.

 

Karunavira-Dharmavasita: Mindfulness-Based Interventions (MBIs) in contesti sociali e di salute nel UK

Questo workshop ha due intenzioni: la prima, di illustrare come la mindfulness può offrire una riduzione effettiva dello stress attraverso nuove strategie di vita per caregiver e parenti di membri famigliari con malattie serie o croniche (Mindfulness-Based Stress Reduction) e di come la mindfulness può aiutare nel trattamento di diversi spettri psicopatologici (Mindfulness-Based Cognitive Teraphy); la seconda di proporre l’esperienza di alcune pratiche di Mindfulness usate in questi MBIs.

Introduzione al Chi Kung (Qui Gong) come pratica di Mindfulness (sabato)

Attraverso alcuni dei movimenti tratti dal Shi Ba Shi, i 18 movimenti del Chi Kung, questo workshop vuole offrire un’introduzione alla pratica del Chi Kung e illustrare come può essere in se stessa una pratica di Mindfulness.

 

 

Magenti: Unità mente-corpo: una risorsa per la scuola

Il workshop si prefigge di sperimentare come l’unità di corpo e mente sia determinante per creare un buon clima in classe, partendo dal nostro stato psico-fisico, che naturalmente influenzerà i nostri allievi. Verranno proposti semplici esercizi in cui la mente, restando legata al corpo, può riportarsi alla quiete, creando quell’apertura all’altro così importante nella relazione educativa.

 

 

Pellegrini: Elementi di mindful dialogue e yoga consapevole

Questo laboratorio sarà un’occasione per esplorare in prima persona, attraverso l’uso di alcune pratiche (meditazione seduta, camminata, interpersonale, yoga), le diverse possibilità di applicazione della mindfulness sia nel sé privato sia nella relazione con l’altro. Mediante un’osservazione attenta e non giudicante di tutto quello che emerge momento per momento nel corso stesso dell’esperienza sarà possibile vedere come la consapevolezza possa contribuire a mantenere la mente più focalizzata, più spaziosa e flessibile (meno condizionata).

 

 

Perrucatti-Stefenelli: Aikido educativo: percorso di crescita per gestire aggressività, stress e paura

L'Aikido è un'arte marziale giapponese non violenta ed educativa, oltre che un percorso di consapevolezza e ascolto per la propria crescita personale. Nel workshop si proporrà ai partecipanti l'esperienza di un particolare stato di centratura psico-fisica adatto ad affrontare situazioni di stress, ansia, paura, emergenza. Saranno proposti efficaci esercizi di presenza mentale, respirazione, coordinazione, percezione e mobilizzazione delle articolazioni, insieme ad una riflessione teorico-pratica sui benefici che questa e attività simili possono avere su bambini e ragazzi e sugli accorgimenti necessari per adattare l'attività all’età evolutiva. L’incontro è adatto a tutti e non richiede alcuna conoscenza o preparazione pregressa.

 

Raffone: Mappe per l'osservazione del corpo-mente nella meditazione Vipassana

Il tema del workshop concerne i quattro fondamenti o applicazioni della mindfulness nella meditazione Vipassana (o insight meditation), sia separatamente considerati che nelle loro interazioni. L'approccio alla Vipassana di riferimento generale è quello di Mahasi Sayadaw,  con un più particolare riferimento ad aspetti teorici e tecnici appresi dal Prof. Henk Barendregt. Tali applicazioni saranno inquadrate nel contesto del Dhamma e della psicologia buddhista, quindi connesse ad esercizi di base nella meditazione seduta e camminata, e infine discusse concisamente in relazione a sviluppi recenti nelle neuroscienze affettive e cognitive.

 

Sabena-Crea: Mindfulness e relazione

La mindfulness può avere importanti risvolti anche nella nostra vita relazionale. Entrare in contatto con il proprio sé, essere totalmente presenti, coltivare un atteggiamento non giudicante, sono capacità che ci consentono di relazionarci agli altri in modo autentico, di ascoltare con cuore aperto, di comunicare senza lasciarci sopraffare dalle emozioni o dai pensieri. Durante il workshop verrà approfondita la conoscenza di sé in relazione con gli altri attraverso pratiche di consapevolezza corporea e di consapevolezza della propria mente.

 

 

DOVE SIAMO

 

Qui c'è l'Istituto "A. Degasperi"

 

Strutture convenzionate per il pernottamento nei pressi di Borgo Valsugana: icon Strutture convenzionate pernottamento

 

 

 

Parteciperanno:

 

Bassi Laura, fisioterapista OMT. Diplomata al "Master in Riabilitazione dei Disordini Muscoloscheletrici” presso Università degli Studi di Genova. Insegnante del protocollo di Mindful Self-Compassion.

Bertossa Franco, presidente dell’Associazione Spazio Interiore Ambiente (ASIA) di Bologna; praticante di meditazione tibetana e arti marziali. Maestro dal 1977 di meditazione zen, hatha-yoga e Aikido, di cui detiene il VII Dan. Ideatore delle Vacances de l’Esprit.

Capovilla Eleonora, psicologa, psicoterapeuta, responsabile dell'UOS Psiconcologia dell'Istituto Oncologico Veneto di Padova. Coordinatrice della Rete Psiconcologica del Veneto. Componente del Comitato Regionale Veneto Terapia del Dolore e Cure Palliative. Componente Direttivo Nazionale della Società Italiana di Psiconcologia. Istruttrice del Mindfulness-Based Stress Reduction program.

Capurso Viviana, dottoranda presso Università La Sapienza (Roma) - Università di Udine.

Crea Angelo, psicologo, psicoterapeuta, mindfulness trainer e coordinatore del progetto BeMindful, co-trainer della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva presso il Centro Clinico Crocetta di Torino.

Crescentini Cristiano, psicologo, specializzando in psicoterapia, assegnista di ricerca post-dottorato presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Udine, professore di Psicologia dello Sviluppo e Psicologia e Psicobiologia dello Sviluppo presso l’Università di Udine. Specializzato nelle funzioni del lobo frontale, nella neuropsicologia, nella meditazione e nella spiritualità. Conduttore di diversi corsi introduttivi alla mindfulness in ospedali e strutture di accoglienza psicologica. Autore di numerosi articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali.

De’ Lutti Paolo, medico psicoterapeuta, specializzato in Medicina Psicosomatica e Ipnosi clinica. Ha lavorato come dirigente servizio Alcologia Ospedale San Pancrazio ad Arco, attualmente presso centro HANDS a Bolzano, convenzionato con Azienda sanitaria per dipendenze da alcol e gioco compulsivo. Si occupa di disagio giovanile, dipendenze e disturbi da stress e psicosomatici con uso di strategie immaginative, di rilassamento e con Mindfulness. Formatore per Associazioni ed Aziende, è insegnante di Mindfulness ISIMIND Vicenza, e membro consiglio direttivo. Esperto nella conduzione di gruppi per problematiche di dipendenza.

De Pisapia Nicola, svolge attività di ricerca in neuroscienze cognitive presso il Centro Mente e Cervello (CIMeC) e il dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive (DipSCo) dell’Università di Trento. Ha pubblicato studi su attenzione, memoria di lavoro, funzioni esecutive, mindfulness e coscienza, utilizzando strumentazioni quali la risonanza magnetica e la stimolazione magnetica transcranica. E’ co-fondatore e responsabile scientifico di aziende che operano nel settore delle neuro-tecnologie (Neocogita, Needius, NeurAB).

Dh. Dharmavasita: insegnante al Meditation and Buddhist Studies al Brighton Buddhist Centre. Già direttrice dello sviluppo della comunità all’interno del Co-operative movementnell’UK.

Ferrari Roberto, biologo ed entomologo, presso l'Università di Bologna svolge attività di ricerca basata sull'approccio enattivo di Francisco Varela. Coordina il Centro Studi della Associazione Asia diretto da Franco Bertossa, di cui è allievo di meditazione dal 1993. Mindfulness trainer, in ambito ospedaliero propone il protocollo MBSR sotto controllo clinico a malati cronici,  oncologici e personale sanitario.

Garberi Patrizia, Psicologa in Neuroscienze Cognitive e Dottoranda in Psicologia e Scienze Cognitive, Artista e Arteterapeuta, specializzanda in Psicoterapia cognitiva, istruttrice Mindfulness CISM, Master in Mindfulness e Neuroscienze. Socia SPAN, SIRN e SITCC. Dal 1995 pratica e studia la Filosofia e la Meditazione Buddhista che insegna da 15 anni in contesti sia contemplativi che non formali.

Giannandrea Alessandro, psicologo, psicoterapeuta analitico-antropologico esistenziale, dottorando presso il Centro Universitario di Ricerca sull'Elaborazione Cognitiva dei Sistemi Naturali ed Artificiali, Università La sapienza. Collabora con il Center for Mindfulness dell’Università di San Diego (USA) per attività di ricerca e di formazione. Membro della Società Italiana di Medicina Psicosomatica, del Social Dreaming Institute di Londra e della rivista scientifica “Nuove Prospettive in Psicologia”.

Guglieri Irene, psicologa, psicoterapeuta, istruttore del programma Mindfulness-Based Stress Reduction svolge la sua attività principale presso l' Istituto Oncologico Veneto e l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Padova.

Jalongo Enrica laureata in Filosofia, insegnante di Filosofia e Storia e collaboratrice vicaria del dirigente scolastico presso il Liceo Classico "L. Dehon" di Monza. È Operatore della riabilitazione integrata secondo il Metodo Rességuier con applicazione in ambito psico-socio-educativo, diviene istruttrice di Mindfulness presso l’Associazione Italiana Mindfulness, approfondisce l’Insight Dialogue con Gregory Kramer e Mary Burns, lo Zen con Melissa Blaker e David Rynick. Ha acquisito il Certificato di Counselling Skills ed è in formazione come Counsellor Professionale presso IFCoS, Bellinzona. Pratica continuativamente yoga nella tradizione dello yoga integrale con la Maestra Giordana Valli e partecipa alla formazione avanzata come istruttrice di protocolli MBSR col Centre for Mindfulness Research and Practice di Bangor e l’AIM di Milano.

Dh. Karunavira M.Sc: senior trainer e tutor presso il Centre for Mindfulness Research and Practice, Masters Programme dell’Università di Bangor (UK). Fondatore dell'organizzazione no profit Mindfulhealth tesa alla promozione di programmi di Mindfulness Teacher Training all’interno del National Health Service. Direttore spirituale del Brighton Buddhist Centre è docente di Mindfulness specializzato con persone giovani, con assistenti e operatori delle aree mediche e psicoterapiche, negli staff del servizio nazionale e con genitori di bambini con bisogni complessi.

Magenti Letizia, ex-atleta internazionale con 10 convocazioni in nazionale, docente ISEF, insegnante di Educazione Fisica nelle scuole medie statali, insegnante yoga. Specialista in Tecnica e Pratica Sportiva – Atletica Leggera. Ha scritto numerose pubblicazioni scientifiche sulla bio-meccanica del movimento. Pioniere nell’introduzione dello yoga nella preparazione atletica sportiva. È stata docente in numerosi corsi di yoga nella scuola per ragazzi e docenti. Presso la sede di ASIA ha organizzato e tenuto numerosi corsi di aggiornamento per insegnanti. E’ inoltre insegnante di Yoga in gravidanza e post parto.

Pellegrini Eleonora, laureata in Lettere, archeologa, psicologa clinica specializzata in psicoterapia dell’adolescenza e dell’età giovanile. Diviene istruttrice di mindfulness presso l’Associazione Italiana Mindfulness. Codificatrice qualificata per Adult Attachment Interview. Partecipa annualmente a seminari su trauma e dissociazione, pratica meditazione vipassana con Corrado Pensa, Neva Papachristou e Letizia Baglioni. Approfondisce l’Insight Dialogue con Gregory Kramer e Mary Burns, lo Zen con Melissa Blacker e David Rynick. Formatasi anche con Saki Santorelli, Kabat-Zinn, Frank Ostaseski. Continua la formazione avanzata col Centre for Mindfulness Research and Practice di Bangor e l’AIM di Milano.

Pendenza Paolo, Dirigente dell’Istituto di Istruzione “A. Degasperi” di Borgo Valsugana, fisico di formazione si interessa di comunicazione scientifica, epistemologia e pratica da molti anni yoga e meditazione.

Perucatti Davide, psicomotricista, educatore e insegnante di arti marziali, detiene il IV Dan di Ki-Aikido, che insegna da molti anni a bambini e ragazzi presso diverse associazioni e scuole elementari, medie e superiori. Da diversi anni opera con ragazzi con disabilità o difficoltà psicomotorie presso il Servizio di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza dell’Azienda USL di Modena. Coordina un gruppo di psicologi, educatori, insegnanti per sviluppare l'Aikido come pratica educativa psicopedagogica.

Poletti Stefano, psicologo, dottorando presso il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata dell’Università di Padova si è occupato di trattamento della dipendenza tabagica con la società Sette Sigarette e di quella alcologica presso centri di auto-mutuo-aiuto. Ha svolto prevenzione delle dipendenze nelle scuole medie con il programma Un soffio per la vita. Ha collaborato con l’associazione Volontà di Vivere - Noi e il Cancro. Parte del Centro Studi Asia diretto da Franco Bertossa, di cui è allievo. Cooperatore di un programma Mindfulness-Based con pazienti affetti da fibrosi polmonare in collaborazione con il Centro Universitario per le Malattie Rare del Polmone dell’Università di Modena-Reggio Emilia, condotto dal dott. R. Ferrari.

Raffone Antonino, già docente presso la University of Sunderland (UK) è professore associato presso il Dipartimento di Psicologia, La Sapienza. Svolge attività di ricerca internazionale su attenzione, memoria di lavoro, coscienza, meditazione e mindfulness,  con particolare riferimento ai loro correlati neurali. E’ stato visiting researcher presso ilBrain Science Institute in Giappone, organizzatore principale del First International Conference on Mindfulness. Direttore del Master Universitario Mindfulness: pratica, clinica e neuroscienze, praticante buddhista, ha ricevuto l’ordinazione laica presso il Centro Zen l’Arco di Roma. Presidente dell’associazione internazionale Consciousness, Mindfulness, Compassion.

Sabena Emanuela, psicologa, psicoterapeuta, sessuologa clinica, mindfulness trainer e coordinatrice del progetto BeMindful presso il Centro Clinico Crocetta di Torino.

Stefenelli Laura, educatrice, insegnante di yoga e di arti marziali, detiene il II Dan di Aikido. Insegna a bambini e ragazzi in ambito scolastico ed extrascolastico. Conduce da diversi anni vacanze residenziali sull’Appenino per bambini. Conduce laboratori di filosofia per bambini delle scuole elementari e insegna insieme a Davide Perucatti Ki Akido in diverse scuole primarie del Comune di Bologna. Unisce la pedagogia alla pratica dell'Aikido declinato nei suoi aspetti educativi.

Zadra Maria Angela, Responsabile del Settore socio-assistenziale della Comunità Valsugana e Tesino. Formatrice nell’ ambito di corsi per Operatore Socio-Sanitario.

Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Puoi cambiare le modalità di utilizzo dei Cookie in ogni momento maggiori informazioni